fbpx

Jazz e bollicine spesso camminano per mano, ed è cosi che i tre grandi amici e musicisti Girolamo, Louis e Ulrico, nel 1979, si uniscono, e dall’unione delle lettere dei loro cognomi ( D’Amico, Rapini e Priore) nasce il nome di un’etichetta che in Italia rappresenta uno dei punti di riferimento nella produzione di Spumante nel Sud Italia.

Al centro della filosofia di questa azienda nata letteralmente sulle basi della passione – per la musica e per il buon vino – c’è proprio il desiderio di dimostrare che anche il Sud possa offrire un prodotto dagli standard qualitativi molto alti valorizzando il Bombino Bianco.

D’Araprì è nota per la produzione di Spumante con metodo classico Champenoise e possiede una serie di riconoscimenti al merito tra cui anche il titolo di “Principi dello Spumante”.

I vitigni crescono accarezzati dal caldo sole pugliese sulla Capitanata di Puglia, la cui terra, calcarea e argillosa, è protetta dalla Majella e dal Promontorio del Gargano e non conosce gelate.

Il vino migliore nasce dalle condizioni migliori e da una perfetta maturazione dei grappoli.

La produzione è fortemente ancorata alla tradizione e la cantina è divisa in due strutture: la vendagerie aperta da settembre a marzo, periodo in cui avviene la lavorazione dell’uva, e l’antica cantina collocata nel centro storico di San Severo, dove troviamo le bottiglie con tappo provvisorio e dove si conclude il ciclo di produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *