fbpx

Peschici: Tutte le curiosità del “Paradiso Foggiano”

Nella bellissima provincia di Foggia (Puglia), ai piedi del mare, sorge un piccolo paesino turistico di nome Peschici.

Esso, disposto in modo strategico nella zona, è un piccolo comune italiano che conta 4.383 abitanti ed una costa balneare immensa; Inoltre è presente nel Parco Nazionale del Gargano e della Comunità Montana del Gargano.

Situato sul litorale nord del Gargano, Peschici si presenta in tutta la sua maestosa bellezza al centro di un tratto di costa in parte è sabbiosa ed in parte rocciosa. Compreso tra la Baia di Calenella (Vico del Gargano) e la baia di Sfinale (Vieste).

Il piccolo “Paradiso del relax estivo pugliese” è caratterizzato anche dalla presenza dei Trabucchi.

Quest’ultimi, sono una presenza tipica della costa di Peschici proprio perché gli unici trabbuchisti ancora in vita fanno capo alla Famiglia Ottaviano e Fasanella (Abitanti del Paese).

Come riportato anche da Wikipedia:

“I Trabucchi hanno un’architettura molto complessa, fatta di pali di legno che si intrecciano a fili e carrucole, essi sono uno strumento molto efficace, specie sul nostro litorale, per la pesca del pesce di passaggio.

Il loro metodo è semplice e consiste nell’immergere nel mare una grossa rete a sacco sostenuta da svariate antenne, su di queste si posiziona una vedetta che dall’alto riesce a vedere l’arrivo del branco di pesce ed al suo segnale le persone presenti sul Trabucco iniziano a girare una ruota che tramite una fitta e complessa rete di fili e carrucole alza il sacco della rete dal mare ed imprigiona il branco di pesce.

Questa pesca è stata praticata per molto tempo e sfrutta le migrazioni dei branchi di pesce da nord a sud dell’adriatico. Oggi svariati Trabucchi sono diventati dei ristoranti molto caratteristici dove si può gustare il pesce dopo averlo pescato.”

A detta di molti, ammirare un Trabucchista all’opera, è un’esperienza unica ed affascinante.

Fin dalle origini la storia del piccolo paese di Peschici, la leggenda popolare è colma di racconti slavi uniti profondamente al mare ed ai suoi pericoli, alle torri e alle tradizioni.

Le torri, considerate essenzialmente importanti per i cittadini in riva al mare, tutt’oggi presentano ancora la stessa base quadrangolare e anche la forma di tronchi di piramide che hanno caratterizzato prettamente la nascita di “Peschici”.

Tra le torri superstiti vi è ancora la più famosa: La Torre Monte Pucci. Essa, dona ai suoi visitatori un panorama meraviglioso e sublime, è arroccata sull’alta roccia calcarea ed è avvolta dal gradevole profumo di pino che si mischia egregiamente a quello del mirto.

Per via del tempo trascorso, Monte Pucci ha perso l’originario coronamento (come le altre della zona) e presenta dimensioni assai ridotte che ne attestano il suo utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto